Orvieto Online (www.orvietoonline.com)

Orvieto Arte e monumenti - Palazzo del Capitano





Ubicato in Piazza del Popolo, il bel Palazzo del Capitano del Popolo, ´┐Ż una costruzione semplice e grandiosa, di severa bellezza, nello stile tipico della prima fase del libero Comune, che trova riscontri sia in autorevoli dimore, come il palazzo episcopale e quello dei Papi, sia in diverse abitazioni private che presentano elementi architettonici ricorrenti, come le logge al piano terreno sorrette da grandiosi archi o le cornici a scacchiera sulle finestre.

Palazzo del Capitano del Popolo
Palazzo del Capitano del Popolo


La costruzione del palazzo fu iniziata nrl XIII secolo, forse per volere di Neri della Greca, su un' area nella quale fin dal 1157 esisteva il palazzo papale fatto edificare da Adriano IV nel 1157 , in cattivo stato per via delle lotte civili e, stando ad alcune cronache, anche a causa di un incendio.

Era costituito da una loggia a piano terra, destinata a luogo di mercato e di riunioni, e da una terrazza superiore dalla quale il magistrato arringava il popolo; ad essa si accedeva da una scala, al tempo posta sulla parte estrema della facciata, dall' altro lato del palazzo. Qui erano celebrate le cerimonie di giuramento e di sottomissione dei castelli e delle citt´┐Ż vinte e sempre qui, nel 1375, il Comune di Orvieto si sottomise alla chiesa.

La struttura fu ampliata gi´┐Ż dal decennio successivo, la torre campanaria vi fu aggiunta nel 1315, il capitano del popolo Poncello Orsini nel 1316 fece fondere ed issare la campana con i simboli delle arti e nel 1472 fu realizzata la copertura della parte superiore, quando il vasto ambiente fu diviso in due sale, una grande e bella, che corrisponde all'incirca all'attuale Sala dei Quattrocento, ed una pi´┐Ż piccola.

L'edificio, dopo essere stato residenza del Capitano del Popolo, del Podest´┐Ż e dei Signori Sette, dal 1463 ospit´┐Ż nella parte inferiore il Monte di Piet´┐Ż e dal 1651 il Monte Frumentario.

Nel 1596 una sala della parte inferiore fu assegnata allo Studium che alcuni anni prima Lorenzo Magalotti aveva fatto rifiorire per le Facolt´┐Ż di Diritto, Teologia e Logica; qui gli studenti si riunivano due volte al giorno al suono della campana del popolo fino al 1651, quando vi fu trasferito il Monte Frumentario e le lezioni dovettero tenersi altrove.

Da quel momento nei documenti non si ebbe pi´┐Ż traccia dell' antica Universit´┐Ż che, secondo alcuni storici, sarebbe stata di origine antichissima, risalirebbe addirittura al 1013 e la cui presenza ´┐Ż largamente attestata nei documenti del XIII secolo prima di essere riconfermata, nel 13 77, dal cardinale Egidio Albornoz.

A questo antico Studium, la cui attivit´┐Ż fu particolarmente vivace nel campo del diritto, sono legati, tra gli altri, i nomi del monaco benedettino Graziano e di Gozio di Orvieto.

La parte superiore del Palazzo fu adibita a teatro dal 1578, ma si ha notizia che fin dal 1543 il Comune dava un sussidio ai cittadini che si dedicavano a questo genere di spettacolo, purch´┐Ż rappresentassero in pubblico, forse in questa sede, le loro opere, e che l'Accademia dei Giovani, gi´┐Ż nella prima met´┐Ż del Cinquecento, vi rappresentava le sue commedie.

Il Palazzo del Popolo dopo l´┐Żultimo progetto di restauro (1987-1989) ´┐Ż rientrato nell´┐Żuso della collettivit´┐Ż come centro congressi. I lavori pi´┐Ż recenti hanno anche riscoperto e reso fruibile l´┐Żarea archeologica sottostante con reperti etruschi (basamento di un tempio della fine del V secolo) e medievali (tratto dell´┐Żacquedotto e cisterna).




SCG Business Consulting S.a.s. di Giacomelli E. & C. - Internet Advertising Division - ę 2004-2021 Tutti i diritti riservati
P.IVA 01675690562
- Orvieto Online © Copyright