Orvieto Online (www.orvietoonline.com)

Orvieto Arte e religione - Duomo di Orvieto


Visitiamo il Duomo di Orvieto una delle pi´┐Ż significative creazioni dell´┐Żarchitettura gotica italiana, la quale si differenzia sostanzialmente dal quella europea per una personalissima elaborazione dovuta sia alla diversa sensibilit´┐Ż culturale sia al particolare momento storico in cui si sviluppa: l´┐Żet´┐Ż dei Comuni e delle Signorie.


Il Duomo di Orvieto ´┐Ż una delle pi´┐Ż significative creazioni dell´┐Żarchitettura gotica italiana. La facciata, a forma di trittico, risplende di marmi policromi, sculture e mosaici. Caratteristici il portale mediano e il rosone centrale ad opera di Andrea Orcagna [XIV secolo].

L´┐Żinterno ha tre navate, ancora di carattere romanico. Transetto [la navata trasversale che interseca quelle longitudinali, conferendo alla chiesa una pianta a croce] e presbiterio [la parte della chiesa riservata ai sacerdoti, intorno all´┐Żaltare maggiore], invece sono gi´┐Ż di forme gotiche.
Rispetto alle cattedrali europee, il Duomo di Orvieto presenta una minore linearit´┐Ż formale e una maggiore variet´┐Ż nell´┐Żuso del materiale.

Il duomo di Orvieto ´┐Ż celebre anche per gli affreschi sul Giudizio Universale di Luca Signorelli. Erano stati iniziati dal Beato Angelico con l´┐Żaiuto di Benozzo Bozzoli. A differenza di quanto accadeva nel resto d´┐ŻEuropa, infatti, i costruttori gotici italiani lasciavano all´┐Żinterno delle cattedrali grandi pareti piane che venivano affrescate dai pittori dell´┐Żepoca, contesi tra i Comuni e le grandi Abbazie. Questo consente agli artisti di elaborare una personale concezione dell´┐Żopera pittorica: nuova ´┐Ż la descrizione degli interni quali abitati, la presentazione del paesaggio nella sua qualit´┐Ż di natura vivente, l´┐Żosservazione dell´┐Żindividuo, l´┐Żestrema eleganza delle forme e del colore.

Di eccezionale pregio la scultura delle porte bronzee del Duomo ad opera del Maestro Emilio Greco, il quale si leg´┐Ż particolarmente alla citt´┐Ż di Orvieto e alla quale don´┐Ż un´┐Żimportante collezione di 32 sculture in bronzo e 60 opere grafiche tra litografie, acqueforti e disegni, oggi ospitate nel trecentesco Palazzo Soliano a fianco del duomo [Museo Emilio Greco].


Visitiamo la Cappella Nuova o di S. Brizio:

la Cappella Nuova, con la sua "opulenza figurativa" (J.Riess), costituisce una delle testimonianze pi´┐Ż rappresentative della pittura rinascimentale italiana.
Edificata tra il 1406 e il 1425 sfruttando le trecentesche strutture di sostegno del transetto, la Cappella si apre sulla testata meridionale della nave trasversa, al posto della vecchia sacrestia e di una delle cappelline semicilindriche della navata laterale (appartenente ai Monaldeschi), facendo pandant con la Cappella del SS.Corporale. Beato Angelico e Luca Signorelli gli artisti che realizzarono il ciclo pittorico.


Per maggiori informazioni visitate il sito www.opsm.it




SCG Business Consulting S.a.s. di Giacomelli E. & C. - Internet Advertising Division - ę 2004-2019 Tutti i diritti riservati
P.IVA 01675690562
- Orvieto Online © Copyright